Molto spesso arrivano bambini in terapia logopedica e/o psicomotoria dopo i 42-48 mesi, ma che già intorno ai 24-30 mesi
presentavano uno sviluppo del linguaggio lento,
comportamenti di socializzazione ed integrazione inadeguati.

A volte i Pediatri sono temporeggiatori, tendono a lasciar passare il tempo per vedere l’evoluzione fisiologica del bambino,

questo può andar bene nei casi in cui si tratta esclusivamente di tempi di risposta più lunghi , ma altre  volte invece  si rischia davvero di perde tempo prezioso, tempo che non si recupera, tempo in cui il lavoro logopedico e psicomotorio  coordinati riescono a sgretolare dinamiche comportamentali inadeguateGrassetto

Ecco perchè una diagnosi precoce fatta dagli specialisti di riferimento è indispensabile, il Neuropsichiatra infantile ed il Foniatra sono i medici ai quali è indispensabile rivolgersi per effettuare una diagnosi, dopo saranno loro ad indirizzarvi per eventuali terapie.

Oggi siamo in una realtà sempre più settoriale , dove ci si specializza il più possibile in un settore per diventare esperti in quel campo. Intendo dire che per ogni cosa si stanno creando dei riferimenti che con il tempo sono diventati convenzionali.

Allora se è così per molti aspetti clinici è bene che si inizino a trattare in modo specifico anche le problematiche dell’età evolutiva.