Premesso che alcuni autori sono d’accordo nel dire che “ è difficile trovare una definizione di voce normale”, definiamo disfonia un’alterazione della voce dovuta ad un difetto di coordinazione degli organi deputati alla produzione dellavoce .
Le disfonie disfunzionali possono colpire sia l’adulto che un bambino con un’ incidenza diversa.
Nell’adulto la patologia varia (a secondo dei diversi autori) dal 50 all’ 80 per cento; invece nei bambini le percentuali scendono e, la disfonia disfunzionale ha un’incidenza che varia dal 6 al 40 per cento.
La disfonia disfunzionale può essere provocata da una scorretta e prolungata produzione della voce.
I fattori che la possono scatenare sono: una difettosa tecnica respiratoria , un attacco vocale errato , un’emissione sonora anomala e, tutto sostenuto da uno stato ansioso e nervoso.
Le disfonie disfunzionali si manifestano… per eccesso, quindi si parla di disfonia ipercinetica ,o per difetto e si parla di disfonia ipocinetica.
La condizione di iper o ipocinesia è legata al tipo di sforzo vocale che il paziente compie durante l’eloquio, ed alcune volte una situazione può facilmente subentrare all’altra.
Nelle disfonie ipocinetiche la voce è di tonalità bassa, il timbro è grave, la fonastenia (voce fioca) abbastanza frequente.  All’esame obiettivo si evidenzia un deficit di adduzione-tensione delle corde vocali, con rima glottica di grado variabile.

Attraverso l’esame strumentale (stroboscopia) si mette in evidenza quasi sempre una diminuzione dell’ampiezza delle vibrazioni delle corde vocali durante l’emissione di alcune note e, la diminuzione del tempo di contatto fra le corde vocali.

I pazienti affetti da disfonia ipocinetica manifestano, oltre ad una incoordinazione fono-respiratoria, sensazioni fastidiose localizzate al collo ,in sede retro sternale oppure riferiscono di dover sempre raschiare la gola.
Nelle forme ipercinetiche la voce è sforzata,  stridula l’attacco duro, con evidente incoordinazione pneumo-fonica.

Con l’esame obiettivo non si nota sofferenze cordale a parte una lieve iperemia e la tendenza alla protrusione delle false corde. Però, con il passare del tempo compaiono noduli, polipi o corditi con interessamento muscolare.